EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Volta la carta

VERSO QATAR 2022 Parte terza - Medioevo agli sgoccioli?

Qatar world cup 2022 670x223 1379483254Dopo tanti mesi di silenzio, durante i quali gli operai/schiavi che ci costruiscono gli stadi per lo spettacolo di Qatar 2022 hanno continuato a morire di sfinimento e di malattia, e siamo già  nell'ordine di DUEMILA vittime, c'è uno spiraglio di speranza.
Voglio dare la precedenza alla traduzione della lettera  che ho appena ricevuto, prima di ribadire la mia opinione, che avevo già avuto modo di esprimere fin dal 2014 in questa rubrica.
A titolo informativo, invito a leggere i precedenti servizi:

https://www.asolacalcio.it/volta-la-carta/390-prima-parte-mondiale-nel-segno-del-made-in-italy.html

https://www.asolacalcio.it/volta-la-carta/391-verso-qatar-2022-parte-seconda-morire-di-pallone.html

https://www.asolacalcio.it/volta-la-carta/404-cento-dollari.html

 

Caro Paolo,

abbiamo una grande notizia da condividere relativamente alla nostra campagna per porre fine al lavoro forzato in Qatar!
Questa settimana, il Qatar ha assunto importanti impegni pubblici per riformare il sistema della kafala e sostenere i diritti dei lavoratori in un piano triennale per raggiungere condizioni di lavoro dignitose per tutti i lavoratori migranti nel paese.
Ci congratuliamo con il Qatar per aver compiuto passi significativi verso la fine della schiavitù moderna, ma sappiamo che c'è ancora molto lavoro da fare per garantire che i lavoratori del Qatar non subiscano lo sfruttamento.
Questi impegni significano molto per lavoratori come Bide Majakoti, che ha pagato alte tasse di reclutamento per viaggiare dal Nepal con la promessa di un lavoro ben pagato solo per essere costretto ad accettare un lavoro diverso all'arrivo in Qatar, sfruttato nei lavori forzati.
La nostra voce collettiva ha aiutato a spingere il Qatar nella giusta direzione, ad assicurare che migliaia di lavoratori come Bide siano protetti ogni giorno.
Mercoledì, il ministro del lavoro del Qatar, il dott. Issa bin Saad Al-Jafali Al-Nuaimi ha dichiarato: "Il Qatar rimarrà consapevole di garantire tutti i diritti dei lavoratori e di salvaguardare i loro interessi".
La nostra campagna ha chiesto al Qatar di imporre sanzioni ai datori di lavoro che costringono i lavoratori ad riscuotere salari più bassi, a garantire che i lavoratori migranti abbiano i loro passaporti e abbiano la libertà di lasciare il paese o cambiare lavoro senza il consenso del datore di lavoro.
Il piano di cooperazione tecnica del Qatar con l'OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro) sosterrà l'attuazione di varie misure per garantire che i lavoratori possano accedere ai loro diritti - la confisca dei passaporti, le restrizioni sul cambio di lavoro e la libertà di lasciare il paese senza il consenso del datore di lavoro.
Il Qatar si è inoltre impegnato a introdurre un salario minimo che si applicherà a tutti i lavoratori migranti.
Questo sforzo, insieme al fatto che i contratti dei lavoratori siano depositati direttamente con il governo invece che con i datori di lavoro, contribuirà a garantire che i lavoratori siano obbligati ad accettare salari più bassi che li spingono ad indebitarsi a causa di cattivi contratti. Inoltre, il Qatar afferma che continuerà a migliorare il proprio sistema di protezione salariale per garantire che i lavoratori siano pagati in tempo e possano ricorrere per controversie salariali.
Sebbene siamo soddisfatti di queste notizie dal Qatar, abbiamo ascoltato promesse prima di aspettare l'implementazione dei piani per salvaguardare le protezioni dei lavoratori.
Le belle parole sulla carta non sono abbastanza.
Insieme al nostro partner ITUC (Confederazione Sindacale Internazionale) continueremo a monitorare i progressi del Qatar sulla riforma del sistema della kafala attraverso il suo piano di cooperazione con l'OIL, per garantire che questi impegni diventino una realtà nella vita dei lavoratori in Qatar.
Con solidarietà.
Joanna, Alex e la squadra di Freedom United
 
Niente da dire, sulla carta un buon risultato, anche se non ci sono riferimenti alle condizioni di alloggio, alla sicurezza sui luoghi di lavoro e all'assistenza medica, che reputo fondamentali al pari della retribuzione.
Non smetteremo di osservare come si evolveranno gli accordi e come verranno applicati.
Nel frattempo un ringraziamento a tutti coloro che hanno levato una voce e si sono indignati: ognuno si prenda il proprio merito!
Il mio personale embargo nei confronti della macchina di Qatar 2022 e dei suoi sponsor rimane.