EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Volta la carta

REMEDELLO: 5° MEMORIAL MARIO CIOLI

IMG 4401

IMG 4401

Ormai la manifestazione è entrata nel calendario degli impegni delle società di calcio della zona; alla sua quinta edizione ha ospitato 24 squadre di bambini delle annate 2010 e 2011, divise in sei gironi eliminatori.

L’A.C. Asola ha partecipato con una selezione del 2010, guidata da un terzetto tecnico d’eccezione: Enrico Candrina, ben coadiuvato da Renato Bonandi e Pasquale Restieri.   

Sotto voce sussurriamo che l’Asola si è classificata sesta su sedici squadre del 2010, ma la classifica è figlia della formula del torneo.

Per essere esclusi dalla disputa del primo posto è stata sufficiente una sconfitta di misura nel girone eliminatorio, con la Feralpi Salò, ma anche in questa partita i piccoli biancorossi hanno ben figurato di fronte ad una società che opera la selezione e la ricerca di talenti già a quell’età.

Nel successivo girone per il quinto posto è toccato alla Voluntas Montichiari battere l’Asola nell’ultima partita, con un combattuto 1 a 0.

Per il resto solo spettacolo e limpide vittorie per i biancorossi, che hanno superato Bassa Bresciana, Calvina, Remedello e Unitas Olympia.

Divertimento, sorrisi e correttezza hanno caratterizzato l’intera giornata e le 36 gare.

I nostri complimenti alla società del Remedello per aver ancora una volta saputo organizzare un bel torneo, affollando la tribuna con un pubblico di genitori, nonni e simpatizzanti di circa 500 persone.

E’ stato bello vedere le maglie azzurre di dirigenti, tecnici e giocatori della prima squadra del Remedello onnipresenti per assistere pubblico e squadre, facendo in modo che tutto funzionasse al meglio.

Non è mancata l’autoambulanza a bordo campo con tanto di squadra di soccorritori, per fortuna inoperosi, ma pronti.

L’appuntamento è per il 25 aprile del prossimo anno, per un’altra giornata di sport da gustare.

Nel frattempo un grande in bocca al lupo alla prima squadra del Remedello, che sta per giocarsi l’accesso ai play off per una Prima Categoria che difficilmente potrebbe essere più meritata e aggiungiamo ogni sorta di scongiuro!