EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Volta la carta

I VICINI BRESCIANI IN SECONDA CATEGORIA

DSC 8321

Il Remedello conquista il diritto a partecipare al prossimo campionato di Seconda Categoria infliggendo un perentorio 3 a 1 al Gambara nella finale play off; per fare i sottili, la squadra acquisisce il diritto ad essere inserita nella griglia di quel formale meccanismo dei ripescaggi, che assegna ufficialmente i posti nel campionato superiore, ma non ci sono dubbi in merito.

Ai padroni di casa, in virtù del miglior piazzamento a fine campionato sarebbe stato sufficiente il pareggio e il Gambara ce l’ha messa tutta per fare il risultato, riuscendoci in apertura dell’incontro, ma il Remedello ha meritato ampiamente la vittoria nel secondo tempo, non limitandosi a pareggiare, ma chiudendo in bellezza davanti a ben 700 spettatori.


Il Gambara esce dalla competizione a testa alta; non così tanti dei suoi sostenitori, che non hanno mancato di manifestare il proprio disappunto con cori ingiuriosi e antisportivi e l’insistito lancio di decine di fumogeni e bottigliette in campo nel corso del secondo tempo.

Le ripetute interruzioni per bonificare il terreno di gioco giustificano il largo recupero di ben sette minuti: peccato, è stata una bella partita, non avrebbe proprio meritato di essere guastata in un modo così poco urbano.

A perderci è stata la società del Gambara che, pur non responsabile dei comportamenti sugli spalti, sarà certamente stata in imbarazzo per l’accaduto.  


Oltre alla presenza in tribuna di nostri dirigenti, istruttori e giocatori, dalla parte dei vincitori anche in campo c'era un po’ di Asola:
Andrea Balbi, Jordi Bandera e Fabio Ferrari, chi per tanti anni, chi per poco, tutti e tre applauditi allo Schiantarelli quando indossavano le nostre maglie biancorosse e tanto è bastato per rivolgere la nostra spontanea simpatia al Remedello, al quale vanno le nostre congratulazioni con un sincero in bocca al lupo per la prossima stagione!