EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

CAMPIONATO REGIONALE JUNIORES B - 26ª GIORNATA

LND FIGC Juniores

LND FIGC Juniores

A.C. CASTELLANA - A.C. ASOLA 1-2 (1-1)

 

A.C. ASOLA: Accini, Romagnoli (45’ Shima), Ghisleri, Bagnoli, Cristoni, Piccinelli, El Abd (88’ Gandinelli), Arcari (63’ Bergamini), Martorella (75’ Cavalieri), Pietta (72’ Levorato), Magri;

A disp.: Fiorini, Petrillo;

Allenatore: Egidio Fara

 

A.C. CASTELLANA: Speltoni, Ferrari (63’ Huber), Cagliari (75’ Bonesi), Banni, Pezzi, Dajid (82’ Lasagna), Negrisoli (57’ Nodari), Thai Ba, Valentino, Coffani (62’ Ramponi), Perteghella;

A disp.: Tedoldi, Gauli, Nodari, Casale;

Allenatore: Manuel Pignatelli

 

Arbitro: Pier Maria Arvani (Mantova)

 

Marcatori: 32’ Bagnoli (aut.), 42’ e 62’ El Abd; 

Ammoniti: Perteghella, Cagliari, Cristoni, Bagnoli

Espulsi: Accini

 

Asola, 23 marzo 2019

 

Quinta vittoria consecutiva per la juniores dell’Asola, una vittoria importante, limpida e di prestigio, su una rivale storica che si presenta in campo assetata di punti a causa della posizione pericolante in classifica.

Personalmente ho vissuto una gara emozionante, come non mi capitava da parecchi anni: grazie, ragazzi!

Non è stato facile avere la meglio su una squadra che ha profuso per l’occasione il massimo dell’impegno possibile e per portare a casa il risultato c’è voluta la migliore Asola, che ha reagito secondo le nostre migliori aspettative, reagendo con freddezza e determinazione a situazioni che avrebbero messo in ginocchio chiunque.

La cronaca.

Il primo tempo, piuttosto equilibrato, vede subito una facile occasione per Arcari, che al 3’ manda di poco a lato a porta vuota, calciando in corsa.

Diversi rovesciamenti di fronte in una gara agonistica e corretta, la Castellana mette in mostra i muscoli nelle fasi di attacco e ha qualche sbavatura con la difesa, che risolve gli episodi con un po’ di affanno, fino ad uno sfortunato tocco di Bagnoli al 32': il portiere asolano Accini riesce a sfiorare il pallone, ma non ad evitare l’autorete che porta in vantaggio i padroni di casa.

L’Asola non accusa il colpo e continua a giocare alla pari; il pareggio arriva al 42’, quando El Abd, oggi in stato di grazia, pareggia di piatto, facendo passare il pallone sotto le braccia del portiere in tuffo.

Il pareggio potrebbe accontentare l’Asola, ma non la Castellana, ma dopo il riposo mister Fara ha sempre la vittoria come obiettivo, schiera in campo un altro attaccante: Shima per il difensore Romagnoli sarà una spina nel fianco per la difesa avversaria e scombinerà gli equilibri fino al termine della gara.

Al 60’ un episodio che potrebbe compromettere il risultato: rigore per la Castellana, se ne incarica Coffani, ma Accini si supera parando e la ribattuta esce di lato.

Due minuti e l’Asola va in vantaggio: Shima guadagna la profondità fino a fondo campo sulla fascia sinistra, difende il pallone e confeziona un gustoso assist per El Abd, che ha gioco facile ad appoggiare il rete da distanza ravvicinata.

Facile, ma bisognava esserci e prevedere la giocata del compagno.

Al 70' è Shima che evita il portiere in uscita e manda il pallone in rete sotto la traversa, ma l’arbitro annulla per gioco pericoloso; dalla panchina l’azione è parsa regolare, ma non siamo arbitri e la visuale non è ottimale, per Shima l’appuntamento con la marcatura è rimandato alla prossima settimana.

Le emozioni della gara non sono finite e al 74’ viene espulso Accini, dopo un’uscita fuori dall’area sull’attaccante della Castellana: il secondo portiere Cavalieri sostituisce capitan Martorella e fa il suo dovere fino al triplice fischio di chiusura.

La vittoria non dà ancora la salvezza aritmetica all’Asola, che però si insedia in un comodo sesto posto della classifica e non condanna definitivamente la Castellana alla retrocessione nel campionato provinciale, unica nella parte bassa della classifica con il turno di riposo ancora da scontare; la tendenza suggerisce salvezza anticipata dei biancorossi nel campionato regionale e play out per la Castellana.

Ai cugini auguriamo di ritrovarci nella prossima stagione, ci dispiacerebbe perdere un avversario storico, a beneficio magari di qualche squadra bresciana e di qualche trasferta molto più impegnativa e speriamo di chiudere la pratica della nostra salvezza aritmetica già dalla prossima settimana, in casa con il Castiglione.