EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

CAMPIONATO REGIONALE JUNIORES B - 4ª GIORNATA

Asola Bedizzolese

Asola Bedizzolese

CAMPIONATO REGIONALE JUNIORES B 4ª GIORNATA

Asola, 29 settembre 2018

A.C. ASOLA – U.S. BEDIZZOLESE 1-1 (0-1)

 

A.C. ASOLA: Accini, Fiorini (72’ Rongoni), Romagnoli (53’ Pedrazzani), Bagnoli (74’ Pietta), Gandinelli, Piccinelli, El Abd (87’ Merlo), Di Mango, Rastelli (57’ Petrillo), Vairo, Konate;

A disp.: Bandera, Bergamini;

Allenatore: Egidio Fara

 

U.S. BEDIZZOLESE: Bellandi, Paroni (64’ Stretti), Apostu (70’ Chiocchi), Bonetti, Vavassori (76’ Simonetti), Campanelli, Lonati (45’ Daif), Battaglia, Vignoni, Mongelli, Owusu (45’ Bakhocuch);

A disp: Cuttica, Mzidi, Micciche;

Allenatore: Franco Moé

 

Arbitro: Davide Dalai (Mantova)

Marcatori: 38’ Apostu, 79’ El Abd

Ammoniti: El Abd, Lonati

Espulsi: nessuno

 

L’Asola si ripresenta in casa con una formazione sperimentale, con ben sei allievi in campo, e una panchina inedita, dopo la stangata che il giudice sportivo ha inferto in base ad un referto arbitrale palesemente mirato, redatto da un arbitro del quale anche la stampa si è occupata. Acqua passata e episodio archiviato, anche se ne pagheremo ancora per qualche settimana le conseguenze, sempre che i due punti sottratti con il Rapid non si rivelino determinanti a fine campionato.

Fortunatamente il direttore di questa gara è il Sig. Dalai: questa è una garanzia di regolarità.

Di fronte troviamo la corazzata della Bedizzolese, ancora prima da sola a punteggio pieno e il nostro compito, viste tutte le premesse, appare proibitivo, ma non abbiamo niente da perdere e ci proviamo.

Il primo quarto d’ora scorre corretto ed equilibrato, con un’Asola prudente e una Bedizzolese che mostra un buon gioco, velocità e fisicità; le punte biancorosse non hanno occasioni.

Al 35’ Accini para un bel tiro di Vignoni, trovatosi addirittura a tu per tu con il nostro portiere: è il preludio alla magnifica rete che sigla al 38’ Apostu: il terzino sinistro della Bedizzolese può calciare da fuori area un pallone a mezza altezza, il colpo di esterno sinistro, forte e preciso, tocca l’interno del palo alla sinistra di Accini e si insacca.

Portiere incolpevole e meritati applausi al marcatore dello 0 a 1.

L’Asola regge bene o male fino all’intervallo, nonostante la supremazia, ma la linea d’attacco non trova più né ordine, né determinazione.

Nel secondo tempo i cambi ottengono l’effetto cercato e i padroni di casa si dimostrano più tonici: al 79’ addirittura arriva il pareggio, ad opera di El Abd, sostituito nel finale per il dispendio di energia profuso in un gioco necessariamente di sacrificio.

Di Mango è sempre la spina nel fianco della squadra avversaria e in qualche affondo fa sperare addirittura ad una vittoria.

Alla fine un buon punto, ottenuto da un’Asola in condizioni precarie, con una squadra che pur lasciando la vetta della classifica, avrà una forte voce in capitolo fino al termine del campionato.

 

Da valutare con molta attenzione i guai muscolari di diversi giocatori biancorossi, sia prima della gara, con indolenzimenti, sia durante, con forti crampi: non è il caso di attribuirne cause casuali, senza prima verificare l’adeguatezza della preparazione; i tecnici cerchino di tamponare il problema che esiste.