EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

CAMPIONATO REGIONALE JUNIORES B - 20ª GIORNATA

 

Cremona, 9 febbraio 2019

A.S.D. TORRAZZO VICTOR - A.C. ASOLA 5-3 (3-0)

A.S.D. TORRAZZO VICTOR: Finazzi, Polenghi, Concari, Zanoni, Toffe, Scuto, Yaba, La Malfa, Donnarumma, Boughanemi, Trovati;

A disp: Mattarozzi, Ruggeri, Nida, Sofia;

Allenatore: Claudio Bencina

 

A.C. ASOLA: Accini, Magri, Ghisleri, Bagnoli, Cristoni, Piccinelli, Konate, Pietta, Martorella, Arcari, El Abd; 

A disp.: Fiorini, Ravenoldi, Petrillo, Bergamini, Shima, Vairo;

Allenatore: Egidio Fara

 

Arbitro: Alberto Pizzamiglio (Cremona)

Marcatori: 11’ Trovati (r), 18’ Donnarumma, 44’ Yaba, 57’ e 79’ Shima, 59’ Arcari (r), 75’ Cristoni (aut.), 77’ Yaba;  

 

Ci sono momenti nei quali tiro un sospiro di sollievo per essere un dirigente e per non aver mai sconfinato in questioni tecniche.

Partite folli come Torrazzo-Asola mettono in difficoltà qualunque allenatore, adesso è il turno del nostro Fara.

Chi si limita a conoscere il risultato o ad averne solo sentito parlare dai presenti, non è nella posizione di rendersi conto dell’andamento della gara: dalle leggerezze dei biancorossi, che hanno permesso al Torrazzo di chiudere il primo tempo in vantaggio per tre reti a zero, alla supremazia asolana nel secondo tempo fino al 3 a 2 e ad una sfortunata autorete che ha di fatto archiviato la partita, anche se seguita da un’ulteriore rete per parte.

Il risultato del primo tempo, indipendentemente dal modo nel quale è arrivato, avrebbe piegato qualunque squadra; all’Asola non è capitato così e solo l’involontario regalo ad un quarto d’ora dalla fine, nel momento di maggior pressione e in una fase della gara che la vedeva condurre i giochi, l’ha privata delle possibilità di rimediare.

Fatte queste doverose considerazioni, certamente non si può considerare positiva la prova dell’Asola, fatta eccezione per Konate e Shima, che escono dal campo a testa alta.

La classifica salva ancora la squadra, ma è da prendere con le molle: a causa del turno di riposo e delle partite rinviate la settimana scorsa, si possono solo fare delle ipotesi e nella più sfortunata combinazione di risultati, anche l’Asola sarebbe invischiata nella zona play-out, ma siamo fiduciosi e pensiamo che questa sia una squadra che al termine del campionato si salverà con le proprie forze e non con i passi falsi degli avversari.

I giocatori sono all’altezza della categoria, l’allenatore ha esperienza e competenza e a chi vive in prima persona la realtà dell’ambiente ed è in grado di fare paragoni, appare evidente che la comunicazione con i ragazzi è sempre presente, grazie all’apertura e alla disponibilità da parte di tecnici e dirigenti e all’attenzione da parte dei giocatori.

In alternativa a disinformati e umorali sfoghi nei gruppi WhatsApp, da questo momento sta a ognuno di noi, dirigenti prima di tutti, ma anche genitori, far quadrato intorno ai ragazzi e all’allenatore, dimostrare concretamente l’impegno a sostenerli in tutti i modi e metterli nelle condizioni di giocarsi le otto partite che mancano alla fine ad armi pari con gli avversari.

Un atteggiamento diverso sarebbe poco intelligente, fuori luogo, sempre inopportuno e non farebbe il bene dei ragazzi.

 

LND FIGC Juniores

LND FIGC Juniores