EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Under 14 - 2018-19 fase autunnale - 01 - LA CANTERA-ASOLA 2-3

La Cantera

Campionato Prov. MN Under 14 – fase autunnale - Girone A - 1. Giornata
Sarginesco, 29 settembre 2018
LA CANTERA - ASOLA 2-3 (1-1)
Reti: 5’ Caravaggi, 35' e 36' Awel, 48’ Nodari (rig), 58’ Zine El Abidine
LA CANTERA: Magni (59' Rizzi L.), Pirondini (49’ Sabrani), Gollini, Chahramane, Savazzi, Mantovani (62' Zanoni), Nicocelli, Rossetti (49' Ghirardi), Gorni Silvestrini, Rizzi N. (60' Matviytsov), Awel (70' Salvagni)
A disp.: nessuno
All.: Thomas Daidone
ASOLA: Rech Dal Dosso (36' Worenwu), Martini, Grafitti, Mattana, Sarzi Amadé, Lanfranchi (28’ Badinelli), Ghigi (44' Zine El Abidine), Ghisini (70' Biba), Caravaggi, Nodari (69' Hasani), Motta (67' Bonometti)
A disp.: nessuno.
All.: Andrea Ghisleri
Arbitro: Matheus Garbin
Ammoniti: nessuno
Espulsi: nessuno
Recupero: pt.3' - st.5'

SARGINESCO - Esordio assoluto nelle competizioni agonistiche per i nostri 2005 e gara durissima ma vinta con merito anche se non senza difficoltà. Come è accaduto anche nelle ultime sfide della scorsa primavera, i biancorossi hanno molto sofferto la fisicità dei canterani che oggi hanno anche cercato di giocarsela fino in fondo trascinati da un Nicocelli in grande spolvero, elemento di buona tecnica e atleticamente dotato.
I giovanissimi asolani partono molto contratti e timorosi ma passano comunque al primo affondo: al 5' Motta penetra in area e calcia con parata a terra del portiere ma sulla ribattuta è pronto Caravaggi a controllare e battere a rete (0-1). Pur patendo il gioco dei locali che scelgono di saltare sistematicamente il centrocampo e lanciare lungo per la velocità di Awel, i biancorossi vanno vicini più volte alla seconda segnatura con tiri di Motta e Mattana che però terminano fuori dallo specchio della porta avversaria. Al 28' Lanfranchi, al rientro dopo alcune settimane di stop per malattia, riceve una gomitata in testa ed è costretto ad uscire sanguinante ed a recarsi al Pronto Soccorso dove gli verranno applicati tre punti di sutura: sfortunatissimo il nostro capitano ma siamo sicuri che sarà in campo in tempi brevissimi e più forte di prima. All 22' Badinelli, subentrato proprio a Lanfranchi, fugge sulla destra e rimette in mezzo dove Ghisini vince un contrasto con la palla che arriva a Nodari ma la sua conclusione è parata. Sul finire intervento sospetto su Ghigi in area canterana ma l'arbitro non interviene e sugli sviluppi dell'azione parte il contropiede dei locali che, grazie anche ad una serie di errori degli asolani, porta alla fuga solitaria e alla rete di Awel, bravo a saltare Rech e depositare in rete (1-1).
Riprende il gioco dopo l'intervallo e La Cantera si porta addirittura in vantaggio: altro errore in disimpegno degli ospiti e bella l'imbucata di Gorni ancora per Awel che a tu per tu con Worenwu non sbaglia (2-1). I biancorossi si scuotono e reagiscono subito, alzando i ritmi e conquistando metri a centrocampo. Al 7' Ghigi solo davanti a Magni non riece ad angolare il tiro e il portiere neutralizza. Al 13' Nodari è affrontato fallosamente in area e il giovane arbitro Garbin concede giustamente il penalty che lo stesso attaccante trasfroma (2-2). Al 15' bella conclusione di Sarzi da fuori con parata di Magni. Al 18' un apertura di Martini da destra a sinistra pesca Motta che, vedendo il portiere avversario mal posizionato, calcia dalla lunga distanza ma la palla colpisce la parte interna del palo rientrando in campo. L'Asola spinge per tornare in vantaggio e finalmente la rete arriva al 23': insistita azione in area canterana con Caravaggi che viene steso nettamente, l'arbitro non fischia ma il pallone arriva a Zine, da poco entrato, che si libera e insacca sotto la traversa (2-3). Da qui alla fine l'Asola sfiora ancora la marcatura con un altro paio di interventi dubbi in area non sanzionati dal direttore di gara e con alcune pericolose ripartenze non sfruttate: proprio allo scadere, però, rischia anche la beffa ma per ben due volte è bravissimo Grafitti a recuperare sull'inesauribile Nicocelli lanciato a rete. 
Buona la prima dunque per mister Ghisleri ed i suoi ragazzi che con bravura riacciuffano per i capelli un risultato per niente scontato grazie alla solita determinazione e combattività (a volte un po' eccessiva, onestamente) dei pari età de la Cantera.