EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Under 14 - 2018-19 fase primaverile - semifinale - RAPID JUNIOR-ASOLA 3-1

semifinale rapid

Campionato Prov. MN Under 14 – fase primaverile - semifinale play-off
San Martino dall'Argine, 22 maggio 2019
RAPID JUNIOR - ASOLA 3-1 (0-1)
Reti: 29' Ronchi (autogol), 53' Mantovani, 55' e 65' Rosa
RAPID JR: Roffia (36' Norelli), Biondolillo, Federici, Bozzetti, Vanoli, Bettoni, Bologni, Ronchi (36' Bottoli), Rosa, Bricherasio, Mantovani
A disp.: Morselli, Maccagnola, Policastrese, Verma
All.: Paolo Termenini
ASOLA: Rech Dal Dosso, Martini (60' Biba), Zaltieri (36' Nodari), Lanfranchi, Sarzi Amadé, Grafitti (66' Michel Sariol), Ghigi, Caravaggi, Motta (68' Zine El Abidine), Badinelli, Mattana
A disp.: Duretti, Obinna, Ghisini, Gaboardi
All.: Andrea Ghisleri
Arbitro: Diego Guerrini
Ammoniti: nessuno
Espulsi: nessuno
Recupero: pt.0' - st.3'

S. MARTINO d/A - purtroppo il sogno di raggiungere la finalissima di domenica prossima è svanito per i giovanissimi asolani, svanito dopo aver giocato con grande determinazione e concentrazione, mettendo in mostra per tre quarti di gara una condotta tattica davvero da squadra matura. Onore ai ragazzi del Rapid, comunque, che quando tutto sembrava quasi perduto non hanno mollato ed hanno saputo sfruttare gli episodi a loro favore affidandosi soprattutto alle indubbie capacità dei loro elementi migliori.
Mister Termenini schiera in avvio lo stesso undici e lo stesso schieramento visti nella sfida di venti giorni fa, mentre Ghisleri, dovendo anche fare i conti con qualche elemento non al meglio della condizione e acciacchi vari, propone un inedito 4-4-1-1 che peraltro mette in grosso imbarazzo la squadra di casa: il gioco in profondità e le sovrapposizioni sugli esterni, infatti, risultano per gran parte di gara poco incisive grazie soprattutto alla disposizione dei biancorossi. Il primo tempo si gioca prevalentemente a centrocampo ma è l'Asola in questa fase a sembrare più brillante ed al 16' Badinelli si destreggia a sinistra con cross basso per Motta che anticipa bene il difensore ma a pochi passi dalla porta strozza il tiro e permette a Roffia la parata a terra. Il vantaggio ospite arriva comunque sul finire del tempo: ficcante azione in area del Rapid e Ronchi, nel tentativo di anticipare Ghigi, tocca di testa scavalcando il proprio portiere (0-1).
Nella ripresa i Blues alzano il baricentro ma l'Asola controlla ancora molto bene le iniziative avversarie e tra l'11' ed il 13' Motta ha due ottime chance per raddoppiare e chiudere la partita: nella prima occasione però, smarcato splendidamente da Caravaggi, calcia benissimo ma trova la miracolosa risposta del bravissimo Norelli mentre due minuti dopo parte in solitario ma arrivato davanti al portiere spedisce fuori di destro. Al 18' l'episodio che cambia totalmente il destino della gara con il primo vero tentativo verso la porta dei locali: Federici calcia a spiovere da quasi metà campo e colpisce la parte alta della traversa con Mantovani che, partendo da posizione dubbia, arriva per primo sulla sfera e realizza in diagonale (1-1). L'Asola accusa il colpo e due minuti dopo il sorpasso del Rapid è cosa fatta: discesa di Biondolillo a destra e perfetto cross per Rosa che di testa non sbaglia (2-1): due parole su questo giocatore che anche oggi dimostra di essere attaccante vero in quanto, annullato dai difensori avversari per 55 minuti, alla prima occasione fa centro e alla seconda pure. I ragazzi di Ghisleri a questo punto gettano il cuore oltre l'ostacolo riversandosi in avanti e al 24' ecco l'altro episodio che risulterà determinante per il risultato finale: palla filtrante in area e Norelli riesce solo a toccare malamente (unico errore della sua gara) con Motta che cerca di raggiungere la sfera ma viene palesemente ostacolato dal portiere a terra: l'arbitro però non ritiene ci siano gli estremi per il calcio di rigore e fa proseguire il gioco. Qualche minuto dopo le reti dei Blues diventano tre quando il solito Rosa si inventa uno splendido tiro a giro dai 25 metri che si infila dove Rech non può arrivare (3-1).
Grande naturalmente il rammarico per come è finita ma i ragazzi questa sera ce l'hanno messa davvero tutta e l'epilogo non deve cancellare quanto di buono sono stati in grado di fare in questa lunghissima e faticosa stagione. Alcuni limiti che potranno essere limati in futuro e la non perfetta condizione generale della squadra in quest'ultima fase hanno impedito di raggiungere quel qualcosa in più ma siamo sicuri che nella prossima stagione i nostri lotteranno ancora per traguardi importanti.