EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Under 14 - 2018-19 fase primaverile - 11 - ASOLA-CASTELLANA 1-1

caste

Campionato Prov. MN Under 14 – fase primaverile - Girone A - 11. Giornata (recupero)
Asola, 16 aprile 2019
ASOLA - CASTELLANA 1-1 (1-0)
Reti: 18' Nodari, 70' Zanoni (rig)
ASOLA: Rech Dal Dosso, Martini, Grafitti, Mattana, Sarzi Amadé, Zaltieri (57' Obinna), Ghigi (56' Michel Sariol), Caravaggi (70' Gaboardi), Motta (65' Zine El Abidine), Nodari (51' Biba), Badinelli (43' Lanfranchi)
A disp.: Duretti, Hasani
All.: Andrea Ghisleri
CASTELLANA: Braga, Maffazioli (41' Ostini), Bresciani, Gorgaini, Richelli, Archetti, Lighezzolo (59' Gallazzi), Zanoni, Senini, Negrisoli, Galati (51' Mainenti)
A disp.: Ogliosi, Sbalchiero, Belotti Madella, Vecchi
All.: Leonardo Chiocchi
Arbitro: Luca Dall'Asta
Ammoniti: Rech Dal Dosso, Grafitti (A), Archetti, Negrisoli (C)
Espulsi: nessuno
Recupero: pt.0' - st.5'

ASOLA - calcio vero allo Schiantarelli in una gara tirata e combattuta, con le due squadre che dimostrano di meritare ampiamente le posizioni in classifica. I ragazzi di mister Ghisleri hanno messo in campo determinazione e maturità tattica mettendo in difficoltà la capolsta e limitandone al massimo la pericolosità offensiva, cullando fino a un minuto dalla fine la speranza di aggiudicarsi l'intera posta in palio e scavalcare la rivale in cima alla graduatoria. Da parte sua la Castellana, che ha comunque dimostrato tutto il suo potenziale (ricordiamo che i biancocelesti hanno quest'anno cambiato quasi radicalmente la propria formazione di riferimento diventando una vera e propria corazzata anche in vista dei Regionali che dovrà affrontare la prossima stagione), è riuscita con bravura e fortuna a raddrizzare il risultato proprio allo scadere.
Già dai primi minuti la partita si preannuncia molto equilibrata e incerta con continui cambi di fronte: ospiti più votati al pressing e al possesso palla, locali invece molto compatti e corti e pronti a sfruttare spazi e ripartenze. Dopo alcuni spunti e iniziative interessanti da una parte e dall'altra senza però particolare pericolosità per i due portieri, al 13' un episodio che potrebbe cambiare gli equilibri del match: Motta viene lanciato in profondità da Nodari e cade nel contatto con Archetti con l'arbitro che decide per l'infrazione del difensore ma incredibilmente non applica il regolamento espellendo il giocatore per fallo da ultimo uomo ma opta per un più salomonico cartellino giallo. Poco dopo l'Asola piazza comunque l'acuto per il vantaggio: splendida l'azione che libera Mattana sulla destra e determinante il diagonale di quest'ultimo sul quale si avventa Nodari anticipando tutti e scaraventando in porta (1-0). La Castellana reagisce ma i biancorossi oggi sono impeccabili in fase difensiva e non si registrano occasioni clamorose da parte dei biancocelesti: sono invece i locali a rendersi ancora pericolosi con Caravaggi.
Nella ripresa gli ospiti mantengono costantemente l'iniziativa per raggiungere il pareggio ma l'Asola, pur lasciando il possesso palla agli avversari, si compatta ancora di più chiudendo tutti gli spazi e dimostrando tutta la propria capacità di stare in campo. I castellani spingono ma oltre a due/tre conclusioni dalla distanza (peraltro innocue) non riescono ad avvicinarsi alla porta avversaria tanto che Rech si distingue esclusivamente per attenzione e prontezza di riflessi nelle uscite. Dall'altra parte, invece, Braga viene impegnato in una parata a terra su conclusione da fuori di Ghigi. Con il passare dei minuti la pressione degli ospiti sembra affievolirsi per la resistenza granitica del fortino biancorosso ma proprio verso i titoli di coda ecco l'episodio che ribalta le sorti della gara: Senini è bravo e scaltro nel cercare e trovare il contatto con Biba in area e l'arbitro non ha dubbi nel concedere il penalty. Vibranti le proteste degli asolani: da fuori il fallo pare esserci, ma il dubbio rimane. Sul dischetto va Zanoni che batte freddamente Rech facendo esplodere di gioia squadra e panchina (1-1).
Notevole il rammarico di mister Ghisleri e dei suoi ragazzi per questa vittoria sfumata proprio in extremis ma tutti dobbiamo essere consapevoli che oggi i giovanissimi biancorossi hanno dimostrato di essere una squadra vera, matura e solida e che la crescita reale del gruppo passa da partite come questa. FORZA RAGAZZI, ORGOGLIOSI DI VOI E DELLE EMOZIONI CHE CI REGALATE