Esordienti a 11 2017-18 - 11- ASOLA-PORTO 05 1-2

4gR

Esordienti a 11 2017-18 - fase primaverile - 4.a giornata ritorno
Asola, 4 maggio 2018
ASOLA-PORTO 2005 5-4 (1-2) (3-0) (1-2) - p.tecnico 1-2
Reti 1.t: 7' Ghigi, 14' Roncolini, 17' autorete
Reti 2.t: 3' Nodari (rig), 15' Ghigi, 20' Ghigi
Reti 3.t: 7' Caravaggi, 10' Bazziga, 19' Roncolini
ASOLA (1.t) (3-5-2): Rech Dal Dosso; Michel Sariol, Lanfranchi, Cani; Gaboardi, Ghisini, Zaltieri, Martini, Bonometti; Ghigi, Caravaggi
A disposizione: Nodari, Marrocco, Zine El Abidine
ASOLA (2.t) (3-5-2): Rech Dal Dosso; Cani, Lanfranchi, Bonometti; Nodari, Ghisini, Zaltieri, Martini, Zine El Abidine; Marrocco, Ghigi
A disposizione: Michel Sariol, Caravaggi, Gaboardi
ASOLA (3.t) (3-5-2): Rech Dal Dosso; Cani, Lanfranchi, Bonometti (Michel Sariol); Nodari, Gaboardi, Ghisini, Martini, Zine El Abidine; Ghigi, Caravaggi
A disposizione: Zaltieri, Marrocco
All.: Diego Zanetti
PORTO 2005: Ciobanu, Giacomazzi, Gasparini, Casari, Chechelani, Tosi, Pezzini, Giovannini, Mazzucchini, Roncolini, D'Egidio, Masotto, Bozzolin, Chiminazzo, Bazziga, Santi, Vecchio
All.: Enrico Grassi

ASOLA – gara in chiaroscuro per gli esordienti asolani che prevarrebbero nel punteggio effettivo ma perdono la gara a livello di punteggio tecnico. La lampadina del bel gioco oggi si è accesa solo ad intermittenza, mentre per lunghi tratti si è cercato troppo insistentemente il lancio lungo sulle punte senza peraltro grande precisione. L'avversario di giornata, il Porto, è squadra ben messa in campo con alcune ottime individualità, tra cui soprattutto la punta Roncolini, davvero una spanna sopra tutti.
Nel primo tempo i locali partono abbastanza bene e sfiorano subito il gol in un paio di circostanze con Caravaggi e Nodari. Il vantaggio arriva al 7' quando Ghigi trasforma un calcio di punizione a due in area concesso per un retropassaggio (volontario?) che il portiere raccoglie con le mani (1-0). Dopo questo episodio, però, l'Asola si ferma e gli ospiti prendono gradatamente campo raggiungendo il meritato pari con un inserimento a centro area di Roncolini che batte Rech (1-1). I biancorossi accusano il colpo e dopo qualche minuto regalano agli avversari la rete del sorpasso segnandosi praticamente da soli: corner battuto lungo e tocco di Michel Sariol che sorprende Rech (1-2). L'Asola cerca rabbiosamente di pareggiare nei minuti finali ma, sugli sviluppi di un'azione prolungata, un tiro da fuori di Martini trova la respinta coi piedi di Chobanu a salvare la porta.
La ripresa comincia con l'Asola in pressione e due corner consecutivi portano al gol. Sulla battuta del primo Lanfranchi calcia benissimo ma trova la parata del portiere, sugli sviluppi del secondo invece l'arbitro vede una cintura di un difensore su Ghigi e decreta il penalty, realizzato da Nodari (2-2). Al di là di una respinta di Rech che libera dopo un calcio d'angolo, in questa frazione i biancoblu del Porto non si fanno mai vivi in area avversaria così i locali continuano a macinare gioco arrivando sul finale ad arrotondare il punteggio con due reti di Ghigi che prima scarica in rete un bel suggerimento di Nodari liberatosi sulla destra (3-2) e poi batte il portiere con un diagonale mancino dopo essersi inserito bene in area (4-2).
Nel terzo tempo i ragazzi di Zanetti partono ancora col piede giusto e Nodari batte a spiovere una punizione dalla distanza colpendo una clamorosa traversa. Al 7' una splendida combinazione Ghigi-Caravaggi porta quest'ultimo ad indovinare l'angolo alla sinistra di Ciobanu con un pallonetto rapido e preciso (5-2). L'Asola sembra in controllo e Zine non sfrutta una clamorosa occasione a tu per tu col portiere calciando fuori. Improvvisamente, a metà tempo, il Porto va in rete con un contropiede di Bazziga che scatta sulla destra e batte Rech in diagonale (5-3). I biancorossi tornano ad attaccare e Ciobanu è ancora protagonista parando su Nodari ma a segnare nel finale sono nuovamente gli ospiti con una pregevolissima rete del bomber Roncolini, lestissimo ad attaccare lo spazio e scavalcare Rech con una puntatina precisa e letale (5-4).
Non certo una delle migliori partite, dunque, per gli esordienti biancorossi che ora devono riprendere fiato e fiducia per iniziare al meglio l'avventura del Memorial Lorenzo Leso.